venerdì 17 settembre 2021

19 settembre Fancy Woman Bike Ride 2021

 19 settembre 2021, si svolgeranno, in diverse città del mondo le Fancy Woman Bike Ride

Fra gli eventi nella loro pagina facebook potete cercare gli appuntamenti più vicina a voi.



Ciclopolis 2021 e Milano Bike City

 Ciclopolis 2021- Milano bike vision... significa visione della bicicletta a Milano?

Milano e bici. Odio e amore. Cosa frena il cambiamento e come si pongono i candidati sindaci a riguardo? Quali soluzioni propongono i ciclisti? Come misurare i miglioramenti? Per capirlo AssoBici, comparto ciclistico di Confesercenti Milano, e un gruppo di lavoro del Politecnico di Milano presentano Ciclopolis 2021, un progetto di ricerca e confronto con i candidati sindaci. All' interno delle iniziativa "Forum Spazio Aperto", promosso da Legambiente Lombardia.

Location - Cascina Nascosta, (all'interno del Parco Sempione) Via E. Alemagna 14 - MIlano.

Necessaria la prenotazione su Event Brite qui



Pedaliamocela la Ecorun di Varese 2021

In concomitanza con la EcoRun Varese 2021, il sabato 25 settembre alle 14:00, in Piazza Monte Grappa, un giro in bici per le strade di Varese, con un percorso di circa 20 km, toccherà le strade principali della città.


La EcoRun Varese Pedaliamocela. 
I bicipieghevolisti parteciperanno al giro, creando un raduno nel raduno, per testimoniare sulla possibilità di viaggiare sui mezzi pubblici portando con se la propria bici per raggiungere il luogo di lavoro con una PiegheVolata finale!





mercoledì 30 giugno 2021

VBA 2021. Varese Bike Adventure

Varese – 02/04 luglio 2021



Sono aperte le iscrizioni!

Cos’è la VBA

Varese Bike Adventure (VBA) è un’avventura sui pedali alla scoperta di un territorio poco conosciuto, su ciclaibili e strade secondarie, dimenticando le arterie più trafficate.

VBA è libertà di pedalare prendendosi i propri tempi e la velocità che si preferisce.

L’idea è semplice: dopo la registrazione ti verranno fornite la tracce GPX dei percorsi, il “passaporto” VBA (dove apporre i timbri nei checkpoint segnalati) ed un elenco di strutture “amiche” (bar, ristoranti, B&B, alberghi) dove le bici saranno le benvenute, scegli il percorso che preferisci e… pedala attraverso i luoghi più belli e meno conosciuti della provincia.

I percorsi saranno aperti al traffico e pertanto si raccomanda il rispetto del codice della strada. Raccomandiamo a tutti luci e giubbino rifrangente.


Cosa non è la VBA

Innanzitutto la VBA non è una gara, non ci sarà nessun cronometro a scandire i passaggi e nessun tempo limite.

Nessun avversario da battere, la competizione sarà solo per offrire il caffè al vostro compagno di avventura.

Nessun record da infrangere ma un traguardo da raggiungere dove tutti saranno accolti da vincitori.

mercoledì 23 giugno 2021

Progettazione Concittadina Partecipata

Aprire spazi di partecipazione collettiva per trasformare e prendersi cura della città.
In un ciclo di tre incontri aperti alla cittadinanza, la Lista Civica Progetto Concittadino, con Collettiva, affronterà i temi
19 giugno, la città verde. Villa Toeplitz ore 16:30
26 giugno, la città che include e cura. Villa Toeplitz ore 16:30
3 luglio la città è cultura. Villa Mirabello ore 16:30.




Nell'incontro del 16 giugno si è parlato di politiche urbane, mitigazione e mobilità. Ai partecipanti è stato chiesto di indicare temi, parole chiave, relative alla mobilità della città, che vorrebbero fossero accolti dalla amministrazione pubblica.




lunedì 14 giugno 2021

Nuovi ciclisti per le strade di Varese

Complice l'estate, un po' meno traffico, stanno scendendo in strada tante bici in più. 
Questa mattina una mamma ed un bimbo andavano verso l'oratorio estivo in bici, sul marciapiedi di Via Staurenghi. Una via troppo trafficata per arrischiarsi di pedalare nella carreggiata. Inoltre le auto, con il semaforo in vista in fondo alla strada, vanno spedite, nella speranza di non raggiungere l'incrocio con il rosso. 
Erano probabilmente Nuovi Ciclisti, la bici a pedalata assistita era nuovissima e bellissima, così come il casco, perfettamente abbinato con un comodo abbigliamento da ciclista urbana. Qualche automobilista-per-forza ha avuto la possibilità di acquistare una bici con il bonus ed ora forse capisce meglio che pericolo rappresentano le auto. 
l'automobile è la parte forte, come tale ha la responsabilità della sicurezza di tutti gli altri utenti. 

lunedì 31 maggio 2021

Le ondate di piena e l'influenza che potrebbe avere il manager della mobilità.

In alcuni orari del giorno le strade si intasano. Il flusso delle auto rallenta, la strada ha una capacità limitata di reggere un traffico fluente.
La quantità di auto che passano in un punto, in un'ora, dipende dalla velocità a cui passano. Ci sono orari in cui le auto si muovo lentamente ed intasano la strada. Orari in cui la strada è libera e le auto fluiscono velocemente (anche troppo).
Durante la settimana le ore di Piena, di punta, sono quelle in cui  sono causate dalla uscita delle scuole, dagli spostamenti Casa/Lavoro. 
Nel fine settimana il traffico cambia, attira lo shopping, la gita, il divertimento serale.
In questa ottica diventa strategico governare i flussi. Il ruolo del "mobility manager" può diventare chiave.
In una grande azienda che muove molte persone, nella scuola e nelle università, si può sensibilizzare ed orientare gli spostamenti sui mezzi alternativi alla auto, analizzando le abitudini ed offrendo e stimolando alternative. 

All'articolo 229 il decreto del 19 maggio 20 n°34 introduce novità sulla figura del manager della mobilità, MM, Mobility Manager.
Per le Pubbliche Amministrazioni con unità locali con 100 dipendenti, in città (capoluoghi di regione, provincia o comuni) con popolazione superiore a 50.000 abitanti, devono adottare il PSCL (piano spostamenti casa/lavoro) del proprio personale dipendente. Anche soggetti non obbligati possono nominare un MM ed adottare un PSCL.
Nel decreto ci sono chiarimenti sulla definizione di Mobility Manager, sul calcolo dei dipendenti per valutare l'obbligo, sui contenuti del Piano.

Auto
----------------------
moto
bici
piedi
mezzi pubblici
treno






sabato 24 aprile 2021

Cosa possiamo fare noi per evitare che accada ancora?

Quando siamo alla guida dell'automobile saremmo più attenti, ai limiti, agli altri utenti, se i titoli dei giornali recitassero:

"Automobilista lanciata a forte velocità, investe ed uccide una ragazza"

"Automobilista distratta dal cellulare urta e uccide una ragazza"

"Automobilista a bordo di un SUV sperona ragazza e la spinge fuoristrada!

Purtroppo non è la prima e non stiamo facendo quanto necessario perché sia l'ultima. Specialmente noi quando guidiamo, distratti, prepotenti, spericolati.

La Fondazione Michele Scarponi ci ricorda che, in tutte le strade d'Italia, vige la legge del più forte, non quella del più debole. 


"È morta la giovane promessa del ciclismo Silvia Piccini. È stata investita mentre si allenava"

"Udine, giovane campionessa di ciclismo muore a 17 anni"

"...la giovane ciclista è stata investita da una macchina durante un allenamento."

"Si allena in bici: falciata da un’auto a 17 anni"



Le abitudini sono cambiate, pensiamo ora a cambiare la strada.

 

Molti dei ciclisti per le strade di Varese che sfidano il traffico automobilistico, affrontano strade dissestate, insidiose, irte, che indossano un casco e pedalano su una bici elettrica, lo hanno fatto per la prima volta dopo tanto tempo, dopo aver acquistato una bici nuova approfittando del bonus.

Per Varese sono nuovi ciclisti, che si sommano a quelli che salgono al Sacromonte, a quelli che scendono dal Campo dei fiori, a quelli di Ciclocittà che partono per la gita cicloturistica.

A Varese si vedono, per la prima volta, i monopattini elettrici, a cui è stato permesso di circolare per le strade, nonostante i dubbi per gli oggettivi pericoli a cui sono esposti nelle nostre strade.

Ogni nuovo monopattino in strada, ogni nuova bici a pedalata assistita, ogni nuova bicicletta da città, sono probabilmente auto in meno. Soprattuto sono altri automobilisti consapevoli, per averlo sperimentato, che: l'auto rappresenta un pericolo per gli utenti più deboli della strada; che l'automobilista è un privilegiato, a cui è stato concesso tanto spazio urbano, non dovuto; che alcuni spostamenti con l'auto, in certi orari, sono poco pratici; che spostarsi in auto costa, benzina, parcheggi, stress.

Credo che il bonus sia stato efficace nel causare questo cambiamento, forse non efficiente, potrebbe essere costato più di quello che ha portato in guadagno.

Ma ora che le bici ci sono, quando si può, diamo un po' di spazio. Non sempre c'è, ma quando c'è non diamolo tutto alle automobili. Riduciamo un po' quello delle auto, a quello essenziale per il passaggio dei mezzi più ingombranti; non istighiamo a lanciarsi a tutta velocità; lasciamo un po' di margine al ciclista soprattutto da lato in cui si affronta una salita ripida. 


Si tratterebbe di una verifica tecnica ed un progetto di segnaletica orizzontale. Creare ostacoli, come le isole di attraversamento, file di parcheggi o corsie ciclabili dove si può'.


Dove non si può avere uno spazio dedicato, la strada si stringe, ci vuole condivisione, c'è bisogno di allertare con una segnaletica efficace. Si può fare subito, in qualche caso è stato parzialmente fatto.


Sicuramente ci sono priorità ed urgenze per le amministrazioni comunali, limiti di spesa. Ma ormai le abitudini cambiate rendono urgenti anche questi interventi!




domenica 21 febbraio 2021

È cambiato il nostro modo di percorrere le strade?


Guardando le idee nel Piano Urbano per la Mobilità, il progetto di spostamenti in città per i prossimi 10 anni, la politica non sembra stare al passo. Sviluppato durante le trasformazioni urbane e sociali della pandemia non ha previsto ed incluso molto i cambiamenti sopraggiunti.

Gli assi stradali principali sono ferite che tagliano il tessuto urbano. Incroci e rotonde soni i punti critici, che possono "fluidificare", bloccare, mettere in conflitto auto, moto, bici, pedoni che devono superarli.  I progetti delle rotonde di Largo Flaiano, di Viale Europa, sono autocentrici, ciclorepellenti. Rendere "veloci" le rotonde non ne migliora necessariamente l'efficenza, ne aumenta certo la pericolosità. 

Se la politica fosse più coraggiosa la cittadinanza potrebbe punirla o premiarla nelle urne, una scommessa che potrebbe portare cambiamenti. 

Se la politica fosse tiepida e ambigua forse le urne la premierebbero, i cambiamenti sarebbero impensabili!

martedì 2 febbraio 2021

Mobilitras, Simposio formativo.

 Mobilitras, Simposio formativo digitale: risposte per la città sana e resiliente nell’era postcovid.

CITTÀ SANA
3 febbraio 2021
9:00 am - 9:15 am
Sergio Costa Paolo Pinzuti
Introduzione e saluti
9:15 am - 11:00 am
By Alessandro Miani Cristina Renzoni Jonathan Monti Luca Boniardi Rossella Muroni Tiziana Benassi
Mobilità, Ambiente, Scuola, Infanzia
11:00 am - 1:00 pm
Evento online
By Edoardo Zanchini Matteo Dondé Alfredo Drufuca Paolo Gandolfi Andrea Colombo
Gestione della Strada e della Sicurezza
        
CITTÀ SANA
10 febbraio 2021
9:00 am - 9:15 am
By Paolo TruzzuPaolo Pinzuti
Introduzione e saluti
9:15 am - 11:00 am
By Giacomo Biasucci Filippa Lagerback Francesca Racioppi Omar Gatti Barbara De Mei Paolo Di Caro
Attività Fisica e Mobilità Attiva: Costi e Opportunità
11:15 am - 1:15 pm
By Giancarlo Sgubbi Francesco Iacorossi Matteo Colleoni Diego De Lorenzis Paolo Pileri
Ripensare la Forma dello Spazio
        
CITTÀ RESILIENTE
17 febbraio 2021
9:00 am - 9:15 am
By Paolo Pinzuti Fr. Joshtrom Isaac Kureethadam
Introduzione e saluti
9:15 am - 11:00 am
By Lorenzo Pagliano Ugo Bardi Anna Donati Piero Pelizzaro Paola Gianotti Sandro Calmanti Edoardo Croci
Città ed Emergenza Climatica         
11:15 am - 1:15 pm
By Stefano Maggi Matteo Jarre Agnese Rebaglio Andrea Burzacchini Alberto R. Fiorillo Davide Lazzari Alessandra Bonfanti Giuseppe Grezzi
Intermodalità: una Risposta Organica
              
CITTÀ RESILIENTE
24 febbraio 2021
9:00 am - 9:15 am
By Luca Mercalli Paolo Pinzuti
Introduzione e saluti
9:15 am - 11:00 am
By Gabriele Sangalli Cosimo Chiffi Francesco Musco Demetrio Scopelliti Carlotta Bonvicini Roberta Frisoni
Gestire la Città che Cambia in un Ambiente che Cambia
11:15 am - 1:15 pm
By Elena Ostanel Pinar Pinzuti Patrick Kofler Simona Larghetti Roberta Calcina

mercoledì 16 settembre 2020

BIKE TALKS a Milano, dal 16 al 18 settembre

 BIKE TALKS 

La location di “Milano Bike Talks” sarà nei pressi di Piazza Sempione, in Via Agostino Bertani 






🚴🏻‍♂️ 📢
🗓 Mercoledì 16 settembre, ore 17:30 - 18:30
"Il cicloturismo come opportunità di sviluppo territoriale...persino a Milano", con Piergiorgio Pigi Pietruzzellis (La Stazione delle Biciclette).

🗓 Giovedì 17 settembre, ore 17:30 - 18:30
"Ciclo-attivismo: come cambiare la città dal basso" con Marco Mazzei (AbbracciaMI e Massa Marmocchi).

🗓 Venerdì 18 settembre, ore 17:00-18:00
"Vivere in città senza usare l'auto": l'esperienza di Antonella Pesenti (Frida Bike).

FREE COFFEE & BIKE CHECKUP ☕️👨🏻‍🔧
Durante il giorno, ad accogliervi ci sarà il Van di Selle Royal con caffè ed un servizio di manutenzione base per i vostri mezzi a due ruote. 


venerdì 19 giugno 2020

TRENORD e alle bici.


Sui treni delle Ferrovie Nord, in questo periodo, è stato vietato il trasporto delle bici, ma è già difficile portarle su vagoni, dove ci si deve arrangiare come si può, lasciando la bici nel disimpegno.
Non credo si possa fare a meno di un sistema efficiente di trasporti pubblici e non si può eludere il tema della intermodalità.
Sia i divieti (contro una categoria specifica), sia il definanziamento (a sfavore di molte categorie) sono scelte politiche, di cui l'elettore, chiamato a votare, dovrebbe tenere conto.
I trasporti pubblici nella regione non sono proprio un esempio di efficienza, di "eccellenza", la prospettiva per il futuro non sembra migliore.

venerdì 1 maggio 2020

Driin drin drin, spazio alla bici...


In un momento in cui la politica lotta per il potere, sfruttando la paura, l’industria ed il commercio riscoprono, un po’ tardivamente, l’importanza della sicurezza, le campagne pubblicitarie, con i negozi chiusi e poca gente in strada, si trasformano in campagne di FIDUCIA
Il pensiero di dovermi spostare per raggiungere MIlano, di prendere un mezzo pubblico mi intimorisce. Avvicinarmi a Milano con l'auto non è proprio una opzione praticabile
Come è successo a Londra, dopo l'attentato al Tube, la gente scende in strada con la Bici. Ed ora bisogna aiutarli a pedalare... Una pedalata assistita, da piste ciclabli di emergenza, da parcheggi, da facilities per accogliere i ciclisti che raggiungono il posto di lavoro. 
Bikeitalia ha lavorato concretamente,  per evitare l'invasione di auto a Milano, realizzando un manuale per creare la Rete di Mobilità di Emergenza. Milano è al centro dell'attenzione mondiale, quello che sarà fatto in questi giorni è una occasione ed un esempio.

mercoledì 15 gennaio 2020

Intermodalità Treno Bici


Cito le norme per il trasporto della bici di Trenitalia, sottolienado le parti che più potrebbero interessare ai pendolari che scelgono i trasporti intermodali.

Su tutti i treni del Trasporto Regionale: trasporto gratuito per bici smontata o pieghevole opportunamente chiusa, una per ciascun passeggero. Le dimensioni non devono superare i cm 80x110x45.
Sui treni Regionali con pittogramma in orario: bicicletta, anche con pedalata assistita (massimo 1 per viaggiatore e di lunghezza non superiore a 2m). 
Il Personale di Bordo può non consentire il trasporto di biciclette a bordo se pregiudizievole del servizio ferroviario (conforme a Reg. Europeo 1371/07).
Il passeggero con bici al seguito può scegliere di acquistare: 
  • un ulteriore biglietto di 2°classe valido per la stessa relazione del viaggiatore; oppure 
  • un supplemento bici utilizzabile illimitatamente nell'ambito del giorno prescelto al prezzo di 3,50€.
Differenti disposizioni possono essere emanate dalle Regioni/Province come di seguito riportato. 
AbruzzoTrasporto bici gratuito
BasilicataTrasporto bici gratuito
BolzanoIl trasporto bici può essere effettuato con uno dei seguenti titoli di viaggio:
  • a tariffa 3,50€ al giorno (utilizzabile illimitatamente nell'ambito del giorno prescelto) per i titolari di AltoAdige Pass, AltoAdige Pass family o Euregio Family Pass Alto Adige e per i titolari di abbonamenti per studenti ed anziani dotati di funzionalità a pagamento;
  • biglietto bici giornaliero di 7€ per chi viaggia con qualsiasi altro titolo di viaggio o abbonamento diversi da quelli sopra elencati.
I bambini fino a 6 anni non compiuti viaggiano gratuitamente con la bici (fino a 20 pollici) con l'accompagnatore munito di valido titolo di viaggio.
La Bikemobil Card è disponibile solo in alcuni periodi dell'anno. Consulta le Condizioni di Trasporto di Trenitalia per saperne di più.
CampaniaBiglietto per bici al seguito 2€; vale una sola corsa nel giorno prescelto. Il trasporto bici al seguito è gratuito nei giorni di sabato e festivi.
Emilia RomagnaIl supplemento bici di 3,5€ è valido sui treni TPER sulla rete FER nell'ambito della regione Emilia Romagna.
LiguriaTrasporto bici gratuito
MarcheTrasporto bici gratuito
PugliaTrasporto bici gratuito
SiciliaTrasporto bici gratuito
ToscanaBiglietto per bici al seguito uguale ad un biglietto a tariffa intera di 2° classe, corrispondente al primo scaglione chilometrico (10km); utilizzabile per più viaggi nel seguente arco di validità: nei giorni feriali (lun-ven) tra le 9,00 alle 16,00 e dalle 19,00 alle 24,00 e nei sabato, domenica e festivi. Nelle rimanenti fasce orarie, nei giorni compresi dal lunedì al venerdì, si applica quanto previsto dalle disposizioni Trenitalia.
TrentoBiglietto per bici al seguito 2€; vale una sola corsa nel giorno prescelto.
I minori di 18 anni viaggianti gratuitamente, in applicazione della agevolazione Family Card, possono trasportare gratuitamente la bici se accompagnati da un adulto in possesso del biglietto per bici al seguito.
Trasporto gratuito per studenti lavoratori e pensionati con abbonamenti extraurbani semestrali e annuali e per i possessori di abbonamento annuale nelle aree urbane di Trento, Rovereto e Pergine.
Per quanto non espressamente previsto si applica quanto riportato nella Parte III - Trasporto Regionale delle Condizioni di Trasporto di Trenitalia.
Aggiornato al 07.05.2019

venerdì 8 novembre 2019

Sapere ed attrezzi della Cicloriparazione a Varese

Ciclofficina Ciclocittadina da FIABa
Via Rainoldi n° 14 int. 7
21100 Varese

lunedì   mercoledì  venerdì
17:00    16:00         11:30
21:00    19:00         14:30

"Almeno sino a fine dicembre, quindi, presso la nostra sede di via Rainoldi 14 sarà attiva la CICLOFFICINA, aperta a tutti i cittadini.
La Ciclofficina non solo svilupperà l’addestramento e la pratica della manutenzione ed autoriparazione delle biciclette, ma si occuperà anche di diffondere comportamenti corretti e sicuri nell’uso della bicicletta.
Occasionalmente, su richiesta del Comune, potrà anche supportare il personale comunale nella manutenzione delle bici condivise (Bike Sharing).
Gli orari di apertura della Ciclofficina, a cura del nostro socio Gigio Aliverti, si aggiungono a quelli di normale apertura della sede del martedì e del giovedì dalle 17,30 alle 19,00.

Nelle prossime settimane non perdete l’occasione di parlare di meccanica e manutenzione della bicicletta con Gigio, che potrà dare consigli e realizzare piccoli interventi con l’aiuto degli altri soci esperti della nostra associazione, ovvero Danilo, Daniele, Renzo.

Una collaborazione con il Comune di Varese nel progetto “Percorsi sostenibili IN COMUNE”, cofinanziato dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito del “Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro” (DM 208/2016)."

Dopo l'esperienza di Cycl(h)ub sentivo proprio la mancanza e nostalgia di un luogo e persone dove trovare sapere ed attrezzi!

lunedì 16 settembre 2019

Via Manin per tutti. 19 settembre 2019

In occasione della Settimana Europea della Mobilità, il 19 settembre alle 17:15, alla Scuola Media Vidoletti (aula Magna) ci sarà un incontro pubblico dal titolo “Via Manin spazio per tutti, più sicurezza per chi cammina e pedala”, con il patrocinio dell’ Ordine Architetti di Varese.  




venerdì 14 giugno 2019

Milano Bike City 2019

Milano Bike City dal 14 al 22 settembre 2019
Presentato ufficialmente, un cicloevento da segnare in agenda della bicicultura italiana.
Qui trovate il programma
Accantivante arancio bianco e nero, illsutrazioni, velodromo, biciclette... nel bicipanorama italiano per fortuna che c'è. Bisogna dunque prepararsi all'evento e, magari presentarsi con qualche idea o progetto, partecipando!


lunedì 13 maggio 2019

BAM

Mantova, 17-19, maggio 2019, European Bicycle Adventure Meeting 2019.
Racconti di viaggio, musica, produttori di bike-packing, telai, abbigliamento. Chissà che ci troverò, certamente tante persone che condividono, in molti modi, interesse e passione per la bicicletta.
Cito il programma preso dal sito, come promemoria per il viaggio...

Venerdì 17

18.00 WELCOME TO BAM!
Benvenuti ciclisti! A chi viene da vicino, a chi ha fatto un lungo viaggio. Ai gruppi che si sono organizzati per arrivare al raduno, a chi è venuto da solo. A chi va in bici al lavoro, a chi la usa alla domenica, a chi è venuto a piedi e anche a tutti i curiosi… BENVENUTI TUTTI AL BAM 2019!

19.00 – STORIE DI VIAGGI, DI PERSONE, DI BICI E DI RUOTE BUCATE
Incontro sul palco con i nostri primi ospiti.
Simone Lunghi, l'”angelo dei navigli”, personaggio milanese dell’anno, che arriverà al BAM (passando la sera prima per il PRE-BAM di Sermide) partendo da Ferrara, sempre in compagnia della sua fedele Brompton e del suo sup gonfiabile.
Francesco Gusmeri, con il suo “Prendo la bici e vado in Australia” – 30.000 km a dividere la routine da una grande avventura.

20.00 – INAUGURAZIONE”UFFICIALE” BAM19
Insomma, un momento per ringraziare chi ha permesso al popolo del BAM di radunarsi in questo posto meraviglioso: il Comune di Mantova e i partner. Un momento di informazione su tutto ciò che si sta facendo per rendere Mantova una città sempre più sostenibile, e per raccontare il territorio.
21.00 – CONCERTO SPETTACOLO di NERI MARCORE’
Uno spettacolo di musica e parole, un viaggio nelle canzoni più belle, e non mancherà una selezione di brani a tema bicicletta.
Marcorè sul palco sarà accompagnato dalla sua band: Domenico Miorenzi – chitarra acustica,  pianoforte, bouzouki. Simone Talone – percussioni. Fabrizio Guarino – chitarra elettrica, acustica e basso. Evento gratuito.
E poi si balla con BIGA UP MUSIC

Sabato 18

Partenza dalle 08.00 alle 09.00 – finalmente SI PEDALA!
BAM PARTY 80 – BIGOLI, SALSICCIA & LAMBRUSCO GRAVEL PARTY
BAM PARTY 120 – POLLETTO & PATATE GRAVEL PARTY
Vieni al nostro infopoint per ricevere il tuo BAM-BOOK e il gettone che ti garantisce il prezzo convenzionato ai BAM party. Scarica il gps gratuito di 80 e 120 km, se vuoi percorrere le strade pedalate dal nostro Alessandro Giona di Mamorema.
Dettagli: per il BigoliParty qui.  Per il PollettoParty, qui.
10.30 – PEDALATE PER LA FRATELLANZA #BAMBROTHERS
Dal village partiranno anche le pedalate organizzate da altre associazioni, amiche del BAM.
Oggi si ritrova l’ArciGay La Salamandra che ha organizzato la sua pedalata Arcobaleno (durata 1 ora circa), e poi si torna al village per aperitivo e pranzo!
13.00 – COSA MI CUCINO IN VIAGGIO?
Incontro con lo chef Cristiano Sabatini che presenta qualche ricetta da fare in viaggio.
(Per non rischiare di portare via solo scatolette di sgombro e filetti di tonno)


Dalle 15.00 alle 19.00 – STORIE DI VIAGGI, DI PERSONE, DI BICI E DI RUOTE BUCATE 
Quattro chiacchiere dal palco con i nostri super ospiti!
Paolo Pileri, Responsabile scientifico del progetto VENTO. Come immaginare e costruire grandi progetti per il cicloturismo.
Carso Sloveno: “Un viaggio nelle terre degli orsi”, presentato da Paolo Volpato, caporedattore di BikeItalia
Darinka Montico, il viaggio come scelta e come fonte di vita. Darinka ci racconta i suoi grandi viaggi e la sua filosofia di viaggiatrice solitaria.
Dino Lanzaretti, che non si ferma mai. Dopo la Siberia, il grande viaggio attraverso l’America del Sud.
Willy Mulonia. Attraversare l’Alaska in bici d’inverno e altre avventure in sella.
Fabio Guglierminotti, pedalare per lottare e sognare. Il mondo visto dalla bici, vissuta anche per lottare contro la malattia.
Valentina Brunet. Il BAM accoglie Valentina di ritorno da uno straordinario viaggio, dall’Estremo Oriente all’Italia, attraverso gli infiniti orizzonti dell’Asia.
In viaggio con Tina, una esperienza di viaggio assieme al proprio cane
Ilaria Corli. Gli innumerevoli record di Ilaria, che pedala e viaggia alla ricerca della velocità, spingendo sui pedali, dalla TRansAm alla traversata dell’Europa.
Marco Berta e Grazia Franzoni: viaggiare eco, in maniera economia ed ecocompatibile. Ovviamente, in bicicletta!
E poi, al SOFA’ DI MISS GRAPE, il nuovo lounge corner del BAM, ci si ritrova per continuare a raccontarcela: come ti carico la bici, il salotto rosa, e altre novità.

16.30 – SPETTACOLO “CHIEDILO AL VENTO”, CON FULVIO SILVESTRI
Chiedilo al vento: ti risponderà che la lentezza salverà il mondo.
Piccolo spettacolo multimediale che unisce la passione per il viaggio lento, la musica e la letteratura. Fulvio Silvestri porta in giro questa sua creatura che si arricchisce di anno in anno di nuove esperienze e incontri, raccontando di viaggi a volte difficili, spesso solitari, quasi sempre fatti nel nord Europa tra freddo, vento, brume e pesanti scrosci d’acqua. Con le musiche originali del fratello Fabio Silvestri e dalle letture dell’amico Carlo Borgogno.
20.30 – CONCERTO LIVE con gli AJDE ZORA 
Balkan Gipsy Music
a seguire BIGA UP MUSIC
22.30 – PEDALANDO SOTTO LE STELLE
Ciclotour al chiaror della luna piena dal Village alla Riserva Orientata di Bosco Fontana, un’antichissima foresta planiziale di farnie e carpino che era riserva di caccia suburbana della famiglia dei nobili Gonzaga. Da qui rientreremo per il tratto mantovano della ciclabile Mantova-Peschiera, attraversando le Valli del Mincio.
20 km, giro ad anello, partenza ore 22.30 con propria bici,
obbligatoria illuminazione adeguata al percorso notturno.
Quota di partecipazione € 5,00
Gruppo min. 20 max. 35.
In collaborazione con Associazione Gli Scarponauti Turismo Attivo

Domenica 19

Dalle 8.00 – BAM breakfast
10.00 – BAM SUNDAY 30
Colazione al village, risotto alla mantovana con vino o birra al ritorno al village, e in mezzo 30 km di immersione nella città e nei dintorni di Mantova.
10.30 – PEDALATE PER LA FRATELLANZA #BAMBROTHERS
Dal village partiranno anche le pedalate organizzate da altre associazioni, amiche del BAM.
Un tragitto dal lago dei Gonzaga fino agli Angeli, sulla pista ciclabile periurbana per ragazzi disabili, in collaborazione con la Polisportiva Andes di Mantova.
11.00 – GIMKANA PER I BAMBINI
Un evento divertente al village, una bella occasione per coinvolgere anche i più piccoli. In collaborazione con Mantova Bike Fest

Dalle 10.30 – STORIE DI VIAGGI, DI PERSONE, DI BICI E DI RUOTE BUCATE… E FREE SPEECH
Oggi è il momento delle “cicliste per caso” Silvia Gottardi e Linda Ronzoni,
Consigli, esperienze e soluzioni per viaggiare con i bambini, con Giacomo Pratellesi che ci racconterà come muoversi con la cargo bike.
Davide Ugolini e Omar Mohamed Alì raccontano il loro viaggio in Oman, lungo la via dell’incenso. 1843 km in 15 giorni, un po’ in bici un po’ di corsa un po’ in autostop, per raccontare la cultura e la storia di un Paese.
Recyclo: un collettivo di studenti del Politecnico di Torino presenta il primo modulo abitativo per cicloviaggiatori e camminatori.
La sicurezza in viaggio. Facciamo il punto sull’importanza di casco (anche se fa caldo), certificato medico, velocità controllata e altre accortezze, con Rocco FIlidoro di MSP e BikeItalia.
E poi, per chi vuole, free speech per raccontare qualcosa dal palco del BAM! (Una sola regola: noi siamo per la fratellanza! :-))

12.00 – CONCERTO ROCK LIVE CON I VERTIGINE DEI GIGANTI E, FINO ALLA FINE… MUSICA CON IL DEEJAY IN BICICLETTA BIGA UP!
17.00 – Saluti e abbracci. Ci vediamo al BAM20!
TUTTO IL GIORNO, SE VIENI AL BAM IN BICI: CHECK-UP E CAFFE’ GRATUITI OFFERTI DAL VAN SELLE ROYAL!




venerdì 19 aprile 2019

Cittadini Ciclisti Automobilisti

Il Comitato Autonomo Cittadini Ciclisti Automobilisti propone l'abolizione delle piste ciclabili e trasformarle in lunghe file di parcheggi auto.
Le automobili devono pur essere parcheggiate da qualche parte per liberare queste strade, trafficate e pericolose e lasciare posto alle bici!


venerdì 22 febbraio 2019

Comunicare la sicurezza

Muoversi accanto ad un camion potrebbe essere molto pericoloso.
Una animazione è molto efficace per far memorizzare il concetto ai ciclisti a cui è destinata.
Si tratta di una serie completa di suggerimenti per comunicare la sicurezza in strada.
Considerando la diffusione delle bici elettriche, spesso acquistate ed usate da Ciclisti non esperti o allenati, un video specifico, "locale" e finalizzato a comunicare le "istruzioni d'uso" delle strade cittadine, potrebbe essere un utile strumento di divulgazione della sicurezza.

 

mercoledì 13 febbraio 2019

Biciparcheggiare a Varese

BikeparkingDa quando ho iniziato il blog aspettavo che succedesse!
Qualche giorno fa ho incrociato un furgone che aveva nel cassone diverse rastrelliere, tante, più di quante ce ne siano state a Varese fino ad oggi! Si trattava del modello "Verona", come quelli che ha scelto Milano. Sono facili da installare e molto comodi per i ciclisti, una appendice permette di legare il telaio, in più punti e lo sorregge molto bene.
Le sto cercando e ne farò certamente una mappa.

Inoltre, da qualche giorno vedevo lavorare alla stazione Varese Nord, proprio dove c'erano le vecchie, inefficaci ed insufficienti rastrelliere. Come speravo si tratta di lavori di potenziamento!

Sono molto contento di questa scelta, spero che la dislocazione di queste nuove attrezzature sia altrettanto ben progettata, prestando attenzione ai vari fattori da considerare, quando si progetta un cicloparcheggio:
Attirare l'attenzione. Non ci sono alibi. Se avevate un motivo per non venire in bici alla stazione per paura che fosse rubata, ora non ci sono albi.
Luogo. Sempre presenti in quell'angolo di piazza, accanto alla stazione, vicino all'ingresso ed al sottopasso.
Soluzione che funziona. Parcheggio coperto e, possibilmente, chiuso e sottocchio dove c'è sicuramente una utenza, con buone possibilità di aumentare.
Dimensionamento. I posti disponibili sono tanti, certamente più delle bici che si vedono parcheggiate di solito. È giusto pensare ad un futuro con più utenti, ci auguriamo che non bastino.
Tipologie di rastrelliera. Il modello Verona, che piaccia o meno, mi sembra il modello più comodo e sicuro per un ciclista. Economico e veloce nella installazione e gestione.
Sicurezza. Se sarà chiusa, sottocchio, e ben tenuta, convincerà potenziali utenti più diffidenti.
Manutenzione. Parte delle infrastrutture della stazione, si spera nella organizzazione e nelle capacità dei gestori. Più ci sarà rispetto e apprezzamento, minore sarà la necessità di manutenzione.
Rispetto. Una bella e funzionale infrastruttura merita e ispira il rispetto degli utenti.














mercoledì 9 gennaio 2019

Winter Communting


Il treno sta diventando sempre più affollato di pendolari pedalatori. Nonostante il relativo freddo, il cielo è terso e le temperature nemmeno tanto rigide, stamane, nel mio vagone, c'erano 3 pieghevoli ed una bici nello stesso momento! Il treno non ha nessun tipo di alloggiamento per accogliere bici, ma per ora, ci si sta.
Per affrontare l'inverno ed il traffico non riesco a fare a meno di una serie di gadget, a cominciare la pantalone, scarpe in Goretex. Uso degli occhiali anti infortunistica per proteggere gli occhi, trasparenti, funzionano anche la sera. Lo scaldacollo protegge il resto del viso e la cuffia testa ed orecchie. Ho provato diversi tipi di guanti, se il viaggio è lungo mi è impossibile non indossarne un paio che mi isoli per bene.
Fa buio presto d'inverno, farsi notare è necessario per la sicurezza. Il casco è bianco, molto "chiuso". Ho sempre dietro una mousette con inserti riflettenti, da usare anche vuota, per farsi notare quando non si ha altro.
Ho anche uno straccetto in microfibra con un inserto riflettente, da arrotolare al telaio, la sua funzione è asciugare la sella quando necessario, ma protegge anche i tubi della Strida, quando è chiusa, nei punti di contatto.
Una luce da 400 lumen con un raggio laser che proietta avanti una bici verde, delle piccole luci led bianco rosse, tutte ricaricabili tramite USB, sono indispensabili per vedere e farsi vedere.